1. Grazie all’azienda COLMEF, nelle sue varie articolazioni, il che dà la misura di una notevole dinamicità e questo è sicuramente positivo, oggi. Grazie allo studio Botta-Panfili che mi ha voluto chiamare per questa relazione.
2. Il BIM è a mio avviso uno dei campi di battaglia, uno dei teatri di un più vasto e profondo fenomeno che sta modificando profondamente la nostra professione (tutta la filiera) da qualche decennio. Nel campo del BIM, che è un campo di battaglia, io sono un osservatore neutrale. Ho iniziato molto presto a interessarmi del disegno digitale. Sono stato tra i primi caddisti in umbria, nel 1989 su workstation Unix. Poi sono entrato in uno studio di un ingegnere strutturista, dove disegnavo 10 ore al giorno sull’Olivetti M24, con lo schermo a fosfori verdi. Quando uscivo, per 20 minuti tutto il mondo era rosa, a causa dell’effetto Chevreul. Poi abbiamo migliorato un po’ con lo schermo a colori. Autocad era alla versione 2.3. Poi siamo passati a un altro software che si chiamava Gbc. A un plotter con i pennini a inchiostro su un carosello di 8 posizioni. All’università ho conosciuto versioni successive di Autocad e poi Archicad, RadarCh, e poi nel 97 Allplan, ecc.
3. Il rilievo. Oggi parliamo tutti di rilievo, di riuso, di riqualificazione, di rigenerazione. Poi andiamo alle fiere, alle demo e i migliori software sono quelli che ti fanno vedere una villetta da costruire su un lotto nuovo nella pianura padana. Mi piacerebbe che ci fosse un software che partisse dal rilievo. E parlo di un rilievo non a nuvole di punti e basta, ma un rilievo che consentisse poi un editing completo dell’oggetto architettonico. Un software che riconoscesse una scatola di derivazione da un rubinetto e un rubinetto da una finestra. Un rilievo già molto “bimmico” se posso dire così. Invece ancora il rilievo è ancora molto geometrico. Ormai quasi 16 anni fa scrivevo un pezzo su una rivista online su come di lì a poco il rilievo sarebbe cambiato, dovendo integrare il satellite, il gps, la fotografia, il laser. Non avevo previsto il drone, che a dire il vero non è tanto un’innovazione telematica quanto l’insieme del controllo elettronico su un apparecchio semovente. Nel settore del rilievo abbiamo ancora molto da fare. Dobbiamo portare il tablet nel rilievo. O un visore come quelli dei piloti da caccia che puntano e sparano. Immagino un software e dei dispositivi che consentano di avere il rilievo completo di un fabbricato in forma vettoriale in un giorno di lavoro. 

4. Il disegno. Noi abbiamo vissuto un periodo, come dice Franco Purini, in cui ci siamo ubriacati di CAD. Speriamo di essere guariti. Certo, il CAD ha aiutato a migliorare alcune fasi della progettazione, ha consentito l’evoluzione verso il 3D e verso il rendering. Di contro ci ha “schiacciati” su un modo di disegnare poco architettonico, poco professionale. Se ci pensate bene, magari i meno giovani in sala se lo ricordano personalmente, i grandi architetti, i grandi costruttori (penso per esempio anche al geom. Guglielmi di Spoleto), a parte la primissima fase ideativa, figurativa, cominciavano subito a disegnare in maniera integrata. Voglio dire che non c’era tutta la dissociazione che il CAD ha consentito tra la geometria e la materia, disegnando prima una forma e poi differendo al dopo la materia. i grandi professionisti disegnavano subito forma e materia: questo pilastro sarebbe stato in c.a., questa balaustra in ferro, questa soglia in pietra rosa, e così via. Il CAD 2D consentiva anche di non disegnare tutto: disegnare solo alcune parti (questo in analogia con il disegno manuale: si disegna solo ciò che serve). Oggi il 3D ma soprattutto il BIM richiedono il disegno integrale dell’oggetto, se ne vogliamo sfruttare al pieno le caratteristiche. Altrimenti ci limitiamo a fare un cattivo 3D e basta. Oggi il BIM ci riavvicina in qualche modo al vecchio modo di disegnare: a una sapienza costruttiva. Certo tra lo schizzo a mano e il BIM la distanza è ancora molta. Anche qui speriamo che qualche software possa aiutare un giorno. Una piccola digressione sui dispositivi di input. Noi siamo ancora fermi al mouse e alla tastiera. Che non sono strumenti per il disegno. La tastiera è per i testi, e paradossalmente per andare più piano (i primi tasti della macchina da scrivere si inceppavano). Il mouse migliora un po’, ma insomma ancora manca di qualche sensibilità. Con la penna e la tavoletta grafica abbiamo migliorato molto. A mio avviso si può ancora lavorare molto sui comandi vocali e sulla visione. 

5. La simulazione. E’ evidente che il BIM, sotto un profilo geometrico, non è altro che un 3D. Se lo incrocio con lo sviluppo degli ologrammi, dei visori, dei guanti con sensori, le connessioni sono tutte positive per il settore della simulazione. Potremo finalmente simulare un po’ meglio e abbandonare gli or-rendering che spesso ci vengono richiesti. Sono or-rendering perché la luce è falsa, l’ottica è falsa, i materiali sono falsi, i colori sono falsi, il contesto è falso: quello è veramente un mondo virtuale: che non esiste. La computistica. Non la approfondisco nemmeno. Una volta che ho etichettato tutto e che ho popolato il mio database, il minimo che mi aspetto è che il mio software faccia un report. Servirebbe una procedura di verifica per vedere se ho etichettato tutto: non se è prevista nelle ultime versioni dei software. Una delle forme del report è il computo metrico. Da cui deriva la contabilità in fase di costruzione, le possibili varianti. Il flusso è biunivoco. Dal computo potrei teoricamente anche modificare il disegno. Consiglio sempre di vedere qual è il risultato perché non è sempre convincente. Va da sé che anche la preventivazione è facilitata. La simulazione aiuta anche, ovviamente, la fase di autorizzazione e di validazione del progetto. Se abbiamo la possibilità di leggere dei dati completi relativi alla costruzione, una bella pre-istruttoria è già pronta: altezze, distanze, volumi di terra movimentati SUC comportamento energetico, comportamento acustico, vigili del fuoco, ecc. Di passaggio, la trasmissione del modello BIM consentirebbe il popolamento del SIT comunale, con tutto ciò che ne consegue in materia di tributi …
6. La costruzione. Oggi è molto di attualità la stampa 3D. Al momento non mi sembrano case molto confortevoli a causa del materiale usato, ma è evidente che lo scenario indicato è quello giusto. Quello che so è che la maggior parte dei nostri cantieri è ancora simile a quelli di 50 anni fa. E che invece sono destinati a diventare sempre più dei cantieri dove si stampano (o si consegnano), degli elementi da assemblare: elementi di qualità certificata. Tra poco riusciremo ad automatizzare la costruzione, avremo dei robot, e quindi delle “grubot”: le gru come le conosciamo andranno in pensione. Questi robot leggeranno il disegno BIM e lo costruiranno secondo fasi ottimizzate. Se non baro, il disegno (il modello) As-built sarà già bell’e pronto. Certo, i fornitori di oggetti e di pezzi, di componenti per la costruzione sono costretti a fare un passaggio tecnologico e produrre un catalogo bimready, come si dice. Vado ancora avanti, e incrocio lo sviluppo dell’IOT con i componenti edilizi più importanti. Ancora un passo: dotare chi sta sul cantiere di speciali occhiali in cui si può vedere tutta la costruzione, secondo i vari tematici che interessano: impianti, strutture, infissi, ecc. La realtà aumentata a servizio della costruzione, insomma.

7. La gestione. Il BIM aiuta nella manutenzione programmata, ovviamente. Aiuta per la redazione del fascicolo del fabbricato. In caso di calamità, poi, pensiamo a come sarebbe utile ai vigili del fuoco avere tutte le informazioni circa quella casa, quell’albergo, quello stadio: incendio, alluvione, frana, sisma …

8. Quali sono le ombre, a fronte di tutte queste luci? a) Costo dei software non proprio ininfluente. b) Curva d’apprendimento un po’ piatta. c) Necessità della filiera bimready. d) Organizzazione e gestione delle revisioni dei file del lavoro in rete. La dimensione media dello studio di architettura in Italia è 1,5: difficile implementare una nuova organizzazione in una realtà così polverizzata. L’architetto è costretto a gestire un nuovo modello con nuove figure. La prima a cui penso è il “bimmista”, poi un bim manager, bim analyst.

Chiudo con una frase volutamente a effetto. L’impatto di questa tecnologia è così forte che il professionista può solo decidere se vuole gestirlo o se vuole subirlo.

* Traccia dell’intervento tenuto il 01/06/2017 alla CESF di Perugia

Annunci

About the Author bmbarch

Architetto. Esploratore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...