1. Il ruolo dei professionisti nella società e la loro volontà di partecipazione alla ricostruzione.

Dai decreti e dalle ordinanze sin qui emanate pare di percepire una non corretta considerazione del contributo che i tecnici professionisti della nostra regione, in virtù della conoscenza del territorio, della sua storia e per le esperienze già maturate nell’ambito della ricostruzione post-sismica, sono in grado di fornire. Esperienze e conoscenze apprezzate peraltro in altri contesti regionali colpiti da recenti terremoti.

Limitare il contributo che proviene da tale patrimonio di conoscenze posseduto dal corpus tecnico regionale, sia interno alle Amministrazioni pubbliche sia proprio del mondo dei liberi professionisti, sembra avvalorare un modello di governance che:

  • ha centralizzato le principali funzioni tecniche creando strutture che, mancando del raccordo e della conoscenza dei luoghi in cui esse operano, a oggi riescono a fatica a svolgere le basilari operazioni volte a favorire la ricostruzione con la dovuta efficacia e rapidità;
  • amplifica la distanza fra società civile regionale e mondo professionale, inducendo nella cittadinanza il convincimento che i tecnici dell’Umbria, operanti sia nelle pubbliche amministrazioni sia in ambito libero professionale privato, manchino delle capacità, conoscenze ed esperienze utili alla ricostruzione del proprio territorio.

Si ha la percezione che sull’altare della trasparenza amministrativa, peraltro finalizzata a produrre forme di “legalità burocratica” sia stata immolata anche la più stretta e concreta collaborazione con gli Ordini Professionali Tecnici dell’Umbria che, deve essere ricordato, sono un ente pubblico. A fronte dell’ennesimo atto di disattenzione/noncuranza dello Stato nei confronti dello Stato, non deve sorprendere il crescere di quel clima di sfiducia nei rapporti fra società civile, pubblica amministrazione e mondo libero professionale che, in momenti tanto delicati, dovrebbe invece segnare una decisa inversione di tendenza volta ad assumere, quale prima preoccupazione, la soluzione dei problemi umani, sociali ed economici che il terremoto ha prodotto.

E se poi si pensa di risolvere il problema attraverso l’investitura a deus ex machina della ricostruzione un unico professionista, pur competente, sfruttandone l’appartenenza al novero delle archistar nazionali come paravento giustificativo della scelta compiuta, è evidente l’intenzione di ridurre, al di là delle dichiarazioni pubblicistiche, la partecipazione attiva delle competenze e intelligenze locali a favore di un approccio monocratico, sensibile solo alla spendibilità mediatica della scelta compiuta. Ora, è pur vero che l’architetto incaricato si è subito premunito e ha dichiarato che cercherà la massima collaborazione con il mondo delle professioni. Tuttavia, ad oggi questa collaborazione è ancora tutta da costruire. Sarebbe stato meglio (e sintomatico), che questa dichiarazione di intenti fosse pervenuta direttamente dal Commissario Errani. Questa collaborazione avrebbe dovuto essere cercata con forte determinazione e tempestività operativa, cercando una capillarità di mobilitazione, coinvolgendo ope legis anche i professionisti più giovani, per i quali quest’occasione avrebbe potuto costituire una grande palestra, una grande lezione, sia sotto il profilo meramente tecnico che culturale ed etico. Riteniamo che questa occasione avrebbe lasciato una traccia profonda nel senso etico che i giovani professionisti devono formarsi, del ruolo e dell’importanza del loro contributo per la rinascita della società civile.

Riteniamo che, nell’emergenza attuale, si debba operare affrontando con coraggio, spirito costruttivo e fiducia, la ricostruzione di un rapporto corretto, trasparente ed equilibrato fra amministratori ed amministrati: solo ricostruendo tale rapporto sarà garantita una ricostruzione partecipata, condivisa, efficace e coerente alle necessità e alle disponibilità.

Pertanto il primo tema da affrontare è il seguente.

  1. La ricomposizione della frattura tra pubblico e privato.

Ci sembra che questa frattura, sempre più approfondita anche da politiche populistiche, sia un grave problema. Siamo in una crisi profondissima (lo diciamo tutti), e già da prima del terremoto iniziato il 24 agosto 2016. Dopo tale data ci troviamo, in una sola parte d’Italia, certo, in una situazione simile al dopoguerra. Ora, aldilà delle tecniche e delle tecnologie, ci sembra di cogliere, rispetto a quegli anni, l’assenza di quei sentimenti di solidarietà, reciprocità e coesione sociale che costituirono di fatto il cemento dell’unità nazionale e che tanto aiutarono all’epoca la ripresa della vita civile ed economica. Bisogna dunque ricomporre innanzi tutto questa frattura, questa distanza, in forma strategica e in forma tattica. Occorre ricreare o creare dei meccanismi (che non possono limitarsi alla sola condivisione di progetti localistici) che aiutino, incentivino e ricreino un sentimento di partecipazione sociale attiva e consapevole. Noi rischiamo di ricostruire delle piccole città, dei paesi, dei borghi, dove nessuno, comunque, vorrà più abitare tra 5-10 anni. Il punto non è più, oggi, ricostruire le case, ma ricostruire il perché delle case: le condizioni per cui un giovane del terzo millennio deve abitare Amatrice, Arquata, Norcia, Preci. Il tema delle cosiddette “Aree interne”, se ritenuto ancora strategico e valido, deve essere declinato subito attraverso la costruzione di un dialogo fecondo e sinergico fra tutti i soggetti istituzionalmente competenti e il corpus sociale, di cui i liberi professionisti tecnici sono espressione operante, così che si possa giungere rapidamente, prima dell’avvio della ricostruzione, alla definizione di strumenti di operatività tattica in cui i principi condivisi possano essere agilmente declinati luogo per luogo, realtà per realtà, caso per caso.

Ciò a partire dalla definizione degli obiettivi da assegnare ai piani di ricostruzione.

3. I nuovi piani di ricostruzione: integrali, integrati e integranti.

Nel merito più tecnico, i nuovi “Piani”, dovrebbero comporsi tenendo a mente (in maniera ingenuamente sloganistica) tre “I”.

Integrali: i piani devono riguardare, magari con una scalarità e con una modularità intrinseca, tutto il territorio e tutte le sue componenti (sociali, ambientali, economiche). Occorre elaborare prima una visione politica strategica del territorio, che potrà poi essere declinata nelle sue componenti, anche con piani di settore. Il tema della ricostruzione fisica, del com’era dov’era, non può essere più eluso e non deve essere trattato “in sé” in quanto tali termini, per essere significativi, devono essere posti in relazione alla struttura complessiva dello spazio e del tempo nella quale si intende collocarli. Ricostruire in zone franose è ancora sostenibile? Ricostruire edifici di modesta qualità architettonica, con prestazioni statiche ed energetiche bassissime o nulle è ancora possibile? Che ruolo deve avere l’accessibilità, l’infrastrutturazione, nella ricostruzione? Che tipo di valutazioni paesaggistiche devono essere fatte nella delocalizzazione delle attività produttive? Può esistere una delocalizzazione a termine? Possiamo pensare a delle nuove città, o l’esperimento dell’Aquila deve essere buttato integralmente? Chi abita nelle nostre aree interne? Chi vi lavora? Chi vi abiterà tra 10/20 anni?

Integrati: devono prevedere forme di comunicazione e di fertilizzazione interna. Devono riguardare il modo di funzionamento, il rapporto con i privati e la costruzione di nuovi iter procedimentali, integrando, fin da subito, il contributo della Soprintendenza. La catena del comando e delle decisioni deve essere chiara. Non possiamo più permetterci pareri contrastanti dello stesso Ente su un’iniziativa imprenditoriale. Non possiamo più avere veti reciproci, sovrapposizioni di competenze amministrative. La necessità di avere chiarezza e fluidità dei procedimenti potrebbe condurre a un ripensamento dell’architettura istituzionale che oggi, nella sua disarticolazione e decentramento, mostra forti criticità. Il federalismo del 2001 è già in un momento di forte ripensamento anche nella gestione ordinaria: con l’emergenza e la ricostruzione ci sembra in forte difficoltà.

Integranti: devono prevedere, al loro interno, le forme di partecipazione necessarie tra popolazione, mondo delle associazioni e del terzo settore, imprenditoria in ogni sua forma e pubblica amministrazione. La partecipazione deve essere veramente tale e quindi non dovrà limitarsi alla sola informazione e successiva automatica ratifica dei progetti già predisposti dall’amministrazione pubblica promotrice. Devono essere previsti strumenti e forme di partecipazione attiva sin dalla fase di individuazione degli obiettivi, attraverso la definizione di una nuova governance. Ci sarebbe piaciuto, come già detto in precedenza, vedere la nascita di un “pensatoio”, in questi mesi, di un centro di elaborazione culturale, accademica, scientifica, che tracciasse le linee strategiche principali della ricostruzione, prima delle tecnicalità. L’occasione deve essere insomma colta anche per cercare di ricostruire un tessuto sociale oltre che un tessuto urbano.

4. Il ruolo dei professionisti nell’elaborazione di una visione di lungo periodo per la Regione Umbria.

Noi crediamo che sia necessario (oramai imprescindibile) elaborare una forte idea di sviluppo della Regione Umbria. Ci sembra che l’immagine dell’Umbria (e le sue ambizioni) si siano appiattite sulla filiera T.A.C. Turismo-Ambiente-Cultura: i buoni risultati prodotti sinora rischiano di essere insufficienti nel prossimo futuro e ciò ci espone a rischi fortissimi.

Se non vogliamo rilanciare l’industria e il manifatturiero come li abbiamo conosciuti e che, all’epoca, hanno costituito il volano per la maggiore crescita economica e sociale avuta dalla Regione Umbria dal primo dopoguerra, occorre forse rivolgersi all’indietro e trovare ispirazione indagando nelle radici della nostra storia. Pensiamo per esempio al fatto che l’Umbria ha dato i natali agli ordini monastici forse più importanti della cristianità, e che per esempio fare dell’Umbria il luogo del ben-vivere e del ben-essere fisico e mentale, potrebbe essere un atout. Sempre da queste radici potrebbe svilupparsi il tema della cultura e soprattutto della ricerca: ricerca di alto profilo. Pensiamo a dei centri di ricerca, da collegare fortemente alla nostra università. Anche qui, forse, pensare all’eccellenza nella medicina e nella cura potrebbe essere vincente. Puntare fortissimamente insomma sull’intelligenza e sulla creatività, senza dimenticare la manualità, innovativa e di tradizione.

Nella costruzione dei prossimi grandi temi di sviluppo ci piacerebbe che anche il mondo professionale fosse chiamato a fornire un contributo, con una considerazione di stretta attualità e una premessa metodologica.

La considerazione di stretta attualità è legata al fatto che, piaccia o meno, tutta la comunità europea e il mondo occidentale ormai considerano le professioni tecniche delle piccolissime imprese. Se, da un punto di vista, ciò fa perdere quell’aura di intellettualità che contraddistingue le nostre professioni, da un altro punto di vista ci chiama a rivedere la professione alla luce di tutti gli strumenti manageriali e finanziari che la stessa Comunità europea ci mette a disposizione. Se a questo si aggiunge il jobs act degli autonomi, ci si rende conto che lo statuto delle nostre professioni è in un momento di grande elaborazione identitaria.

La premessa metodologica è che, anche con il contributo delle professioni tecniche, occorre forse integrare il nostro modello di pianificazione/programmazione, troppo ottimistico e regolativo con un modello che abbandona alcune certezze e che invece consente al sistema in sé di rispondere con più sensibilità, sensitività e velocità ai mutamenti che ci saranno. Noi non sappiamo quali saranno i lavori più remunerativi tra 10/20 anni, non sappiamo se avremo ancora un’agricoltura (di nicchia) o se diventeremo solo un grande giardino, non sappiamo in che modo la robotica occuperà la parte manufatturiera della produzione, non sappiamo in che modo i flussi migratori imporranno un loro modello produttivo e di consumo. Ecco, a fronte di questi semplici esempi, sarebbe forse meglio costruire un sistema meno predittivo ma più intelligente, piuttosto che uno più predittivo ma rigido.

  • Scritto con il contributo di Alessio Burini per Confprofessioni Umbria
Annunci

About the Author bmbarch

Architetto. Esploratore.

One comment

  1. condivido ma sono pessimista. I “privati” che gestiscono la burocrazia per conto del pubblico (con la p minuscola) hanno già ampiamente dimostrato di essere peggio del più ottuso burocrate di professione. Di fatto qualunque buon proposito si infrangerà contro questi grossi scogli (per non dire scoglion..)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...