Vorrei fare  alcune considerazioni sul terremoto e sugli effetti che ha sui piccoli borghi del Centro Italia. Avanzerò poi qualche proposta,  solo abbozzata e perciò sicuramente perfettibile. Parto come sempre da cose semplici, su cui convenire e su cui dunque poter fondare almeno una parte del discorso.

Primo: i centri storici del Centro Italia, a parte qualche eccezione, si stanno spopolando. Ciò avviene per una serie di ragioni convergenti che tratteggio così: difficoltà nel poter modificare anche di poco l’aspetto della casa, difficoltà di parcheggi vicini all’abitazione, difficoltà per chi abita ai piani alti e è anziano o genitore con passeggini, assenza di sole, rumorosità, scarsa pulizia, scarsa sicurezza urbana, lontananza dai migliori esercizi commerciali, ecc. Occorrono oggi forti motivazioni per abitare nel centro storico. Il sisma potrebbe essere allora un forte incentivo a abbandonare il centro storico. Se mi trovassi in un piccolo borgo rurale umbro, marchigiano o laziale, in condizioni economiche di sostentamento o poco più, coglierei probabilmente l’occasione anche per un cambio di vita e di lavoro, spostandomi verso Roma o verso l’Adriatico. Se vogliamo impedire questa desertificazione, questo fatto (io lo considero tale, oramai), bisogna riorganizzare e ri-orientare tutte le nostre politiche insediative e sociali.

Secondo: mi sembra che una grande assente, nelle discussioni che si fanno in questi primi tempi sulla ricostruzione, sia la Soprintendenza. Non è questa la sede per infilarsi nel ginepraio della tutela generalizzata o meno dei centri storici dopo le modifiche del 2008 al Codice dei Beni Culturali. Tuttavia il ginepraio c’è e non sarà facile ignorarlo. Resta infatti comunque del tutto impregiudicata la questione dei beni tutelati con provvedimento esplicito, molti dei quali ricadono nei centri storici. Per i beni tutelati il Codice prevede solo la manutenzione ordinaria, quella straordinaria e il restauro conservativo. L’ipotesi della ricostruzione a seguito di un sisma non è contemplata in maniera esplicita. Chi oggi dunque volesse ricostruire un edificio tutelato dovrebbe (al limite), procedere con una fedele ricostruzione o concordare con la Soprintendenza un progetto più ambizioso. Ma la fedele ricostruzione implica attenersi all’ultimo titolo abilitativo (all’ultima licenza, all’ultima concessione), depositato in Comune e in Soprintendenza. E qui, come ben sa chi frequenta queste pastoie, si aprono subito vari problemi: spesso i due titoli (i due progetti), depositati uno presso il Comune e uno presso la Soprintendenza non sono allineati. Spesso nessuno dei due progetti è allineato con la realtà, con lo stato di fatto ormai consolidato da anni e anni. Immagino che potrebbero sorgere poi dei problemi circa la prevenienza di chi ha costruito prima rispetto a quello che vorrebbe farlo dopo, con la coda velenosa delle distanze legali da rispettare. La faccio breve: questa strada autonoma è quasi impercorribile. Bisognerà procedere a dei Piani di Ricostruzione, da concordare quindi con la Soprintendenza. Prevarrà il criterio del DECE (dov’era com’era), o si coglierà l’occasione per migliorare la qualità di questi borghi? Si dirà fin d’ora che è impossibile migliorare la qualità di questi borghi? Si valuterà caso per caso? E con quali mezzi e uomini il MIBACT farà fronte a questa mole di lavoro? Con quali tempi?

Terzo: il sisma,  è chiaro ormai, deve entrare a far parte della nostra condizione ordinaria. Ha tempi di ritorno così brevi che è meglio considerarlo sempre presente.

Alcune proposte.

Primo: la prevenzione in casa e  nei luoghi di lavoro. Bisogna abituarsi a prevedere un minimo kit di sopravvivenza in questi luoghi. Spesso il terremoto viene di notte o comunque richiede di passare delle notti in situazioni veramente difficili. Forse potrebbe essere utile abituarsi a tenere un minimo sacco con un vestito comodo, dell’acqua, una torcia, un trasmettitore radio, altri sistemi di trasmissione di segnali, ecc. Bisogna abituarsi a buone pratiche di sopravvivenza, automatizzate attraverso simulazioni costanti e verosimili. E questo a casa, a scuola, al lavoro, nei luoghi destinati a pubblici spettacoli.

Secondo: costruire nuove case con criteri antisismici e adeguare quelle esistenti. La prima parte della frase è banale , forse. Chi oggi costruisce senza seguire la normativa sismica sta facendo un abuso edilizio, è un pericolo per sé e per gli altri ed è probabilmente un evasore fiscale. La seconda parte della frase è probabilmente più interessante. A questo proposito l’idea di Renzo Piano mi pare modesta perché non tiene in conto il fattore finanziario. Tutti farebbero lavori di adeguamento sismico se avessero abbastanza soldi, e non so che tipo di incentivi sistemici e programmati si possono mettere in piedi lasciando la tempistica in mano ai privati. Attendere il passaggio di proprietà per cercare di obbligare a fare simili lavori avrebbe come effetto quello di rallentare le transazioni.  Il punto più interessante sarebbe “ingegnerizzare” un procedimento finanziario che consentisse da una parte di mettere in sicurezza il patrimonio immobiliare e dall’altra facilitare le transazioni immobiliari, senza influire troppo sulle loro tasche.

Terzo: la ricostruzione dei borghi. La mia proposta,  di medio termine, è che i borghi a più alto rischio sismico vengano svuotati scientemente e preventivamente dai propri abitanti per poter procedere all’adeguamento sismico e alla ricostruzione dei centri. Eliminando il tabù o la pregiudiziale del DECE. Ipotizzando anche delle demolizioni.  E’ vero che i centri storici hanno spesso una loro “qualità diffusa”: è vero anche che questa qualità può essere mantenuta o aumentata, con un buon progetto. Questo piano complesso deve prevedere la partecipazione dei cittadini, della Regione, del MIBACT, a vario titolo e con varie modalità. Lo Stato dovrebbe ingegnerizzare e costruire un procedimento finanziario che consenta operazioni di rigenerazione con un effetto salutare sull’economia locale e non solo, facendo leva sulla possibilità di programmare lavori significativi e facendo leva su economie di scala. Il cittadino dovrebbe essere comunque chiamato a collaborare finanziariamente o patrimonialmente al l’attuazione di questo piano complesso.

Il Comune dovrebbe fare un piano di alloggi-parcheggio dove sistemare temporaneamente i cittadini, nel patrimonio invenduto e sfitto della prima periferia o pianificando delle piccole espansioni con case prefabbricate. Le case prefabbricate devono essere standardizzate (in questo concordo con renzo Piano), e quindi a basso costo o riciclabili. Per eventuali espansioni il Comune dovrebbe fare un piano di esproprio dell’eventuale terreno agricolo a prezzo agricolo o perequando con capacità edificatorie o detassazioni. Le espansioni dovrebbero essere consentite in deroga alle leggi sul consumo di suolo e in deroga alle leggi e patti sui vincoli di bilancio del Comune. I centri più grandi possono attuare questo piano per stralci, in modo da far continuare la vita all’interno della città.
Il piano può prevedere anche demolizioni. Chi non vuole rientrare nel borgo deve dichiararlo al momento dell’approvazione del piano. In questo modo egli ha diritto a vedere cristallizzato il proprio diritto a edificare lì dove era stato sistemato transitoriamente, continuando a vivere nella casa prefabbricata o trasformando la stessa come più gli aggrada. In questo modo egli acconsente che la sua proprietà all’interno del borgo passi al Comune, che ne può disporre come meglio crede. Il Comune può destinare l’immobile a verde, a piazza o ricostruirlo e affidarlo gratuitamente a persone bisognose.
Nel caso in cui il cittadino assegnatario della casa prefabbricata intenda rientrare nel borgo una volta realizzati gli interventi, egli deve lasciare senza ritardi la casa prefabbricata, che ritorna nella piena proprietà del Comune, che la può riassegnare o demolire.

E’ evidente che un Piano simile può funzionare solo con la cabina di regìa e con la potenza finanziaria dello Stato. Ritengo che un Piano così ambizioso potrebbe essere in grado di produrre ricchezza più di quanta ne consumi. Potrebbe ambire a ricostruire un tessuto sociale e identitario, capace anche di integrare buona parte del flusso migratorio a cui siamo e saremo sottoposti.

Annunci

About the Author bmbarch

Architetto. Esploratore.

2 commenti

  1. il dl 189-2016 prevede piani di ricostruzione in house che temo replicheranno i meri atti contabili che sono stati i pdr in Abruzzo.
    Quindi condivido le proposte ma ho la quasi certezza che non ci permetteranno di fare la differenza tra una buona ricostruzione e l’avvilente trafila burocratica che si profila all’orizzonte

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...