Dico questo, certo non a caso, perché oggi si assiste con una certa frequenza a tentativi di regolamentazione abbastanza disinvolti di affidare a mappature improvvisate che impongono altezze, larghezze, distanze e volumi immaginando di ottenere per via autoritaria una qualche forma di tutela di ampie porzioni di territorio; prescrizioni e vincoli spesso arbitrari che non producono altro effetto se non quello del rifiuto automatico di ogni regola da parte di tutti i potenziali destinatari delle misure i quali ben difficilmente ne comprendono la ratio.

Il periodo riportato qui sopra non è il mio, anche se chiosa perfettamente i miei ragionamenti sul paesaggio, alcuni dei quali riportati in questo blog.

Il pensiero  è di Diego Zurli, Coordinatore AMBITO DI COORDINAMENTO: Territorio, infrastrutture e mobilità. Il passo si trova nel suo testo, che invito tutti a leggere: Metamorfosi e conflitti nelle terre dell’Italia di mezzo, all’interno del volume: Umbria, Paesaggi in divenire, 1954-2014, Regione Umbria 2015.

Annunci

About the Author bmbarch

Architetto. Esploratore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...