Quando diciamo: “Questo campo è mio, questo bosco è mio”, facciamo un errore di prospettiva e forse vediamo il mondo allo specchio. E’ il campo a dire: “Quest’uomo è mio”. E’ il bosco a dire: “Quest’uomo mi appartiene. Non lo sa ancora, forse non lo scoprirà mai,  ma mi appartiene”.

Ecco, a me sembra che si liberi dell’energia (che si diventi migliori), quando si riconosce che apparteniamo a quella terra, a quel bosco, a quel mare.

Annunci

About the Author bmbarch

Architetto. Esploratore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...